Il Coronavirus porterà una mutazione genetica del viso

0
207

Il Coronavirus porterà una mutazione genetica sul volto degli uomini e delle donne: forse non tutti ci hanno riflettuto abbastanza, eppure…

coronavirus mutazione genetica
Coronavirus: la mutazione genetica

Tempi duri. Tempi di Coronavirus, di Covid 19, di pandemia globale, di lockdown imminenti, di restrizioni, regole, Dpcm. Cosa vediamo quando siamo in strada? Facce impaurite o meno, ma tante tante mascherine. Perché se c’è qualcosa che veramente ha cambiato il nostro volto, beh, quella è la mascherina. Ed ha cambiato inevitabilmente anche gli scatti fotografici. Gli scatti rubati, quelli che vuoi fare alla tua ‘amata’ quando guarda il panorama. La mascherina è sempre lì, in ogni foto. Questo Coronavirus ha portato tanti cambiamenti nelle nostre vite. Tantissimi. E, forse forse, porterà anche una mutazione genetica del volto degli uomini e delle donne. Di cosa stiamo parlando? Se siete arrivati fin qui con la lettura, andate oltre e vedrete!

Il Coronavirus, la mutazione genetica sul viso delle persone

Ebbene, questa è un’altra riflessione che possiamo etichettare come super cazzata. Infondo, ne abbiamo già scritte tante e questa non fa che arricchire la collezione. Intanto, però, risulta un qualcosa che ti induce a pensare, inevitabilmente. Avete fatto caso alle persone in strada o siete dei tipi distratti? Se vi siete soffermati anche soltanto un attimo avrete notato che in tanti indossano la mascherina ma non nel modo giusto.

Talvolta, nella maggior parte dei casi in estate, si tende ad abbassarla un attimo anche per respirare. Un attimo che si può prolungare. E infatti, in tanti la lasciano poi così, abbassata. Di conseguenza, gli elastici che poggiano sulle orecchie tendono a curvarle. Ecco la mutazione genetica che ci porterà il Coronavirus: le generazioni a venire avranno tutte le orecchie a sventola! E’ inevitabile, pensateci! Se tutti cominciano a portare, per la maggior parte della giornata, la mascherina in quel modo lì, avranno di lì a poco le orecchie a sventola. E, chissà se, poi, non le avranno i figli. Così come i figli dei figli che chiederanno spiegazioni a riguardo. E… cosa gli diremo?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here